Diagnosi di Trombofilia

TROMBOFILIA GENETICA

Viene definita trombofilia la tendenza, determinata da cause congenite o acquisite, al tromboembolismo venoso e/o arterioso, che tipicamente si caratterizza per la comparsa di manifestazioni cliniche in età giovanile (<50 anni), senza cause apparenti.

A chi è rivolto lo screening trombofilico:

Soggetti asintomatici con familiarità positiva per eventi tromboembolici ricorrenti

Familiari di primo grado di soggetti portatori di trombofilia eredo-familiare

Associazione trombosi/perdita fetale (casi di poliabortività)

Necrosi cutanea indotta da anticoagulanti orali

Porpora fulminante neonatale

Tromboembolismo venoso ricorrente

Trombosi venose superficiali recidivanti

Trombosi in sedi non usuali

Le principali anomalie genetiche ricercate nel nostro laboratorio sono :

91,36,5 Estrazione di Dna o Rna
91,29,4 Analisi di mutazione del Dna MTHFR C677T
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna MTHFR A1298C
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna FATTORE II G20210A
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna FATTORE V G1691A
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna FATTORE V H1299R (R2)
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna FATTORE XIII V34L
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna ACE (Ins/Del)
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna BETA-FIBRINOGENO (455G/A)
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna APO B R3500Q
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna APO E2/E3/E4
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna PAI-1 4G/5G
91.29.4 Analisi di mutazione del Dna GPIIIa L33P (HPA-1)

scarica la tabella con i codici per la prescrizione in convenzione  : ABC_TROMBOFILIA_GENETICA

I commenti sono chiusi