GASTRITE

DUE ESAMI PER TROVARE LE CAUSE

Gastrina: è un ormone prodotto dallo stomaco; stimola la produzione di acido cloridrico (sostanza indispensabile per la digestione) da parte della mucosa gastrica (parete interna dello stomaco) e regola l'attività ormonale del pancreas. Livelli elevati di gastrina nel sangue sono riscontrabili in caso di gastrite (infiammazione della mucosa dello stomaco che si manifesta con nausea, vomito e bruciori), ulcera gastrica (lesione della mucosa dello stomaco; provoca un forte dolore che cessa con l'ingestione del cibo per ricomparire poche ore dopo), insufficienza renale cronica (perdita irreversibile della funzionalità dei reni), carcinoma gastrico (cancro dello stomaco), sindrome di Zollinger-Ellison (grave malattia in cui si hanno contemporaneamente eccessiva produzione di secrezione gastrica, ovvero materiale prodotto dallo stomaco, ed ulcera gastrica). Valori diminuiti possono verificarsi in caso di ipotiroidismo (diminuita attività della tiroide) e particolari interventi chirurgici allo stomaco.

Helicobacter pilori: è un batterio spiraliforme che può colonizzare la mucosa gastrica, il rivestimento dello stomaco umano. L’infezione è spesso asintomatica, ma talvolta può provocare gastrite e ulcere a livello dello stomaco o del duodeno, il primo tratto dell’intestino. L’ulcera è un’irritazione o un vero e proprio foro che si forma nella mucosa, che produce un dolore intenso, soprattutto a stomaco vuoto.